Chi siamo

La nostra storia

La nostra confraternita, dopo quasi due anni di discussioni sul nome da darsi, è nata ufficialmente il 26 Novembre del 1999 optando per una doppia denominazione Studium Monregalensis Castaneae, in memoria della antica università di Mondovì, e , pro vulgo, Accademia della Castagna Bianca di Mondovì.
Tra tanti prodotti e piatti – bale d’aso (sorta di cotechino), castagne, copete (dolce tipico), vino dolcetto, furmentin (grano saraceno), mais ottofile, merun (capra sotto sale), nocciole, trote dei nostri limpidi corsi d’acqua, , ecc.- si è infine deciso di scegliere per il nostro logo il prodotto forse più umile, la castagna secca, che aveva però permesso di sopravvivere a ad intere generazioni prima dell’arrivo dei prodotti americani ( mais e patate), tanto che il castagno è stato chiamato “l’albero del pane” e si parla anche di una vera e propria “civiltà del castagno”.
I nostri interessi non si limitano però alla castagna ma, come recita l’articolo 2 del nostro statuto, ci occupiamo di tutta la gastronomia, la cucina e la cultura in generale dell’intero Monregalese, una vasta area del Cuneese che, dopo antichi fasti, nel dopoguerra ha subito un notevole declino e calo demografico. Infatti abbiamo, ad esempio, dedicato un convegno, “Invito nella terra dei caci”, ai tanti formaggi nostrani, vera gloria locale, un capitolo solenne al “rito del bollito” in quel di Carrù, un altro al “Trionfo del cappone” a Mo rozzo ed due anni fa siamo stati a Nucetto per conoscere e assaporare la Zuppa di ceci e gli altri prodotti della val Tanaro.
Un’altro nostro carattere distintivo è di essere praticamente nati gemellati con due confraternite della Provenza la Confrerie des Chevaliers de Saint Antoine (Baillage de Provence) e la Confrerie de la Caboche di Puget-Ville, con le quali ci vediamo ogni anno, a suggello di un legame profondo, molto sentito dai francesi, dovuto alla forte emigrazione di tanti che dalle nostre valli andarono in quella regione a fare soprattutto i carbonai.
Siamo oltre una quarantina di soci retti da un consiglio formato da rettore, cancelliere, cerimoniere e cantiniere in carica per quattro anni; ogni anno celebriamo in autunno un capitolo solenne una buona partecipazione di sodalizi italiani e qualche transalpino e ci ritroviamo ogni tanto per conoscere e gustare piatti preparati da confratelli volenterosi.
Anzi, essendo almeno in parte dei “bogia nen” abbiamo compiuto, e quasi ultimato, un giro d’Italia senza mai muoverci, ma procurandoci di volta in volta i vini indigeni illustratici poi dal nostro valente cantiniere ed ingegnandoci a cucinare noi tre piatti tipici di ogni regione.

Oltre a ciò ogni anno editiamo un libretto di ricette nostrane per formare una collana che abbiamo chiamato I QUADERNI DELLA NONNA e che vuole riecheggiare anche nella veste grafica (copertina nera e scrittura corsiva su righe) i quaderni di una volta in cui tante massaie annotavano i piatti di famiglia. Le ricette ci vengono fornite dagli scolari di alcune scuole elementari locali che ogni anno, dato loro un tema specifico ( le castagne, i funghi, i formaggi, il maiale, le uova, le erbe, ecc.) mandiamo a chiedere alle nonne di scavare nei loro ricordi e/o di svelarci piatti di famiglia finora gelosamente tenuti segreti. La tiratura ordinaria è ora di 4.000 copie – per un totale complessivo di oltre 50.000 pezzi – e quest’anno il quaderno n. 12 sarà dedicato ai nostri pesci (acqua dolce più i pur’essi tradizionali acciughe e merluzzo).

Scarica lo Statuto

CONTATTACI

VIA MAIL:
guido_viale@yahoo.it

ACCADEMIA DELLA
CASTAGNA BIANCA

Piazza S.Pietro, 1
12084 MONDOVI (CN) Italy

STATUTO DELLA CONFRATERNITA

LA CUCINA GENTILE

PREGHIERA DELLE CONFRATERNITE

SAGGI CONSIGLI
DELL’ ANTICA GRECIA

Preghiera delle confraternite

Signore, donami una buona digestione e anche qualche cosa da digerire.
Donami la salute del corpo ed il buon umore necessario per mantenerla.
Fa’ che non sia preoccupato più del dovuto per ciò che mangerò e berrò oggi.
E siccome l’uomo non vive di solo pane, dammi anche la tua Parola per saziare la mia anima.
Fa anche che io non dimentichi mai i poveri di questo mondo che hanno fame e sete, e, all’ora della mia morte, chiamami a partecipare al Banchetto nel Regno dei Cieli.

Amen

Scroll to top